CONTACT US
IMAGES & EXHIBITIONS LICENSING
  

HOME ~ LEONARDO DA VINCI ~ MOSTRE ~ L3STUDIES ~ MACCHINE ~ DIPINTI ~ BIBLIOGRAFIA ~ LIBRI ~ CREDITI ~ LINK ~ SALA STAMPA ~ MAP
ENGLISH VERSION
 


Tutte le immagini sono protette da copyright e ne è vietata la riproduzione non autorizzata. Contattateci per ottenere la relativa licenza.

da un articolo apparso su PANORAMA 15/4/2005:

Giorgio Ieranò

Creazioni geniali


 
 



Per Leonardo da Vinci la guerra era «pazzia bestialissima». Ma, da uomo pratico qual era, sapeva benissimo che Ludovico il Moro, lo spietato signore di Milano, di quella pazzia era un appassionato. Così, nell'anno 1482, presentandosi al «Signore illustrissimo» della dinastia sforzesca, sa quali corde deve toccare. Nella lettera in dieci punti scritta a Ludovico, Leonardo, già famoso come artista e pittore, si offre infatti come ingegnere militare. E promette bombarde potentissime, ma anche «comodissime et facili da portare», propone di costruire «ponti leggerissimi e forti», suggerisce mirabolanti macchine da assedio e da battaglia: «Farò carri coperti, securi e inoffensibili, e quali entrando intra li inimica con le sue artiglierie, non è sì grande moltitudine di gente d'arme che non rompessimo. E dietro a questi potranno seguire fanterie assai, illese e senza alcun impedimento».


Il bellicoso Moro fu sedotto da queste prospettive. E prese Leonardo al suo servizio, per 17 anni, fino al 1499. Quando l'artista deve lasciare Milano perché Ludovico è stato travolto dalla sua stessa sete di battaglie, sconfitto sul campo e trascinato in prigione dai francesi. «Il Duca perse lo Stato e la roba e la libertà» annota sconsolato lo stesso Leonardo «e nessuna opera si finì per lui»
 
 







f.1_ ALI VOLANTI
Uno dei tanti studi per una macchina volante (pensata per una prova su un lago). Nel progetto sono chiare sia la posizione del pilota-guidatore sia le operazioni che deve compiere per manovrare e mantenere in volo l'apparecchio.
Il progetto risale al Codice Atlantico, 1493-1495.








f.2_Sequenza dell'ala in volo.
Il progetto risale al Codice Atlantico, 1493-1495.



 
 











f.3_BARCA A PALE
Un'imbarcazione pensata per essere più pratica di quella a remi. Con le pale i manovratori azionano le grandi ruote laterali fornendo alla barca un moto senza interruzioni.
Codice Atlantico, 1487-1489.

 






f.14_ Un disegno autografo di Leonardo da Vinci
 
 






f.4_Un particolare del motore a pedali della barca a pale.
 



Nessuna, almeno, delle meraviglie ingegneristiche che Leonardo aveva promesso. E neanche la monumentale statua equestre di Francesco Sforza, padre del Moro, di cui ci restano molti disegni: il bronzo necessario a costruirla fu spedito da Ludovico a Ercole d'Este per farne cannoni contro i francesi. Ma a memoria del primo soggiorno milanese resta, tra l'altro, e non è poco, il grande affresco dell'Ultima cena in Santa Maria delle Grazie.


Comunque, del grande lavoro di progettazione di Leonardo, delle macchine portentose che egli andava pensando in quegli anni, danno testimonianza i numerosi fogli di disegni. Soprattutto quelli contenuti nel celebre Codice Atlantico, oggi conservato alla Biblioteca Ambrosiana di Milano. C'è di tutto in quei fogli: progetti avveniristici e probabilmente irrealizzati se non irrealizzabili.
 
 






f.5_BOMBARDA
Il disegno di Leonardo, uno dei più chiari e di grande bellezza, rappresenta due bombarde nel momento dell'esplosione del colpo. La bombarda era ancorata al terreno tramite funi e picchetti. I proiettili, una volta lanciati, si sarebbero divisi in più parti, coprendo così una maggiore superficie di impatto.
Codice Atlantico, 1503-1505.
 



Non solo macchine da guerra, come il primo abbozzo di un carro armato, ma anche macchine per volare, un'ipotesi di automobile, barche a pale come se ne vedranno un giorno sui fiumi d'America, strumenti musicali che suonano da soli. Che senso avevano quei progetti? Quanto erano visioni oniriche, astrazioni, creazioni dell'intelletto per l'intelletto, e quanto invece Leonardo si proponeva davvero come ingegnere e «profeta dell'automazione», come è stato scritto?
 
 






f.6_CARRO ARMATO
Leonardo idea macchine belliche nei primi anni del suo soggiorno a Milano (tra il 1483 e il 1490). Questo è uno dei suoi progetti più ambiziosi e famosi: un carro armato protetto da uno scudo gigantesco, dotato di una notevole forza di sparo e che poteva muoversi in battaglia. Avrebbe dovuto funzionare grazie a manovelle e ruote dentate, ma non fu mai costruito.
Questo disegno proviene dal British Museum, Pupham n.1030. Risale al 1485 circa.
 



Due esperti italiani in disegno industriale, Mario Taddei ed Edoardo Zanon, hanno provato a raccontare visivamente trenta macchine leonardesche, estrapolandole dai disegni con l'aiuto delle nuove tecnologie informatiche e arrivando a modelli che, a differenza di quelli esposti in molte parti del mondo, sono perfettamente funzionanti. Ne è uscito un libro sorprendente, pubblicato ora dall'editore Giunti, Le macchine di Leonardo, Segreti e invenzioni nei Codici da Vinci, con i testi di Domenico Laurenza, esperto di iconografia scientifica rinascimentale.



Alle spalle c'è il lavoro di ricerca di Taddei e Zanon, i quali si occupano dell'interpretazione e divulgazione del genio fiorentino (con il progetto Leonardo3), e la collaborazione con il Museo di storia della scienza di Firenze, diretto da Carlo Galluzzi, che presenterà il volume il 18 maggio nell'iniziativa Leggere per non dimenticare (il volume sarà in libreria il 20 aprile). E i risultati sono per certi versi straordinari: non solo perché le ricostruzioni virtuali permettono di comprendere meglio gli stessi disegni leonardeschi, ma anche perché il senso di alcuni marchingegni risulta diverso da quanto comunemente si pensava.
 
 














f.7_Un modellino del carro armato ideato da Leonardo.
 






f.8_La scomposizione di un modellino del carro armato ideato da Leonardo.
 
 






f.9_L'ANTENATO DELL'ELICOTTERO
Il progetto è noto come l'elicottero di Leonardo: sottoposto a rotazione veloce, avrebbe dovuto sollevarsi in volo. Leonardo individuò nell'aria, come nell'acqua, un fluido dinamico attraverso il quale poter «avvitare» una macchina simile (da cui il nome di vite aerea). Manoscritto B, circa 1489.

 





Prendiamo, per esempio, la celebre automobile. È stata vista spesso come una specie di anticipazione del secolo XX, quasi che Leonardo fosse un antesignano di Henry Ford. Ebbene, l'ipotesi di Taddei e Zanon, basata su un riesame degli schizzi, è che questo marchingegno a molle non fosse altro che una macchina scenica, uno di quei congegni mirabolanti che si usavano spesso per le grandi feste rinascimentali. Rimase famoso, l'allestimento di una favola scenica sul mito di Orfeo ed Euridice, che Leonardo da Vinci fece rappresentare durante il suo secondo soggiorno milanese, per conto del nuovo governo francese. Una cupola che rappresentava una scenografia montana si apriva all'improvviso, mentre dal basso, tramite una botola, appariva a sorpresa un attore, come se arrivasse dagli inferi.

Del resto, anni prima, Leonardo si era presentato a Ludovico il Moro portandogli in dono una stranezza da usare proprio nelle feste, una lira a forma di teschio animale. E si può aggiungere un altro strumento musicale, la «pianoviola» automatica, creazione bizzarra ed estremamente complessa: un suonatore poteva indossarla sfilando in corteo, facendola suonare grazie allo sfregamento delle gambe contro un sistema di corde e crini di cavallo collegati a un meccanismo interno, e mantenendo entrambe le mani libere.

 
 






11 PIANOVIOLA AUTOMATICA

Uno strumento difficilmente catalogabile. Poteva essere indossato con un imbrago e si suonava con una tastiera. Un crine di cavallo all'interno veniva in contatto con le corde mosse dai tasti, emettendo un suono simile a quello di un violino.
Codice Atlantico, 1493-1495.
      






   
12 Un modellino illustra l'uso della pianoviola automatica.




 








13 TAMBURO MECCANICO

Concepito per essere usato nei cortei cittadini ma anche in parate militari. Il carro poteva essere trainato da cavalli o persone, o azionato con una semplice manovella. Variando forma e volume del tamburo, si potevano cambiare a piacere timbro e suono. Codice Atlantico, 1503-1505.
 





Come nota Laurenza nell'introduzione al volume dalla Giunti, «molte macchine progettate da Leonardo, le più spettacolari, non sono altro che forme di visualizzazione o materializzazione delle sue teorie scientifiche». È così anche per le molte macchine del volo, un tema su cui il grande inventore ha iniziato a ragionare partendo non tanto dai congegni ma dallo studio della dinamica e delle forze del corpo umano. Nelle ali meccaniche è evidente l'imitazione della natura, la fantasia di ricreare il volo degli uccelli. E anche alla famosa «macchina volante» Leonardo si riferirà chiamandola semplicemente «uccello».

Come nota Laurenza nell'introduzione al volume dalla Giunti, «molte macchine progettate da Leonardo, le più spettacolari, non sono altro che forme di visualizzazione o materializzazione delle sue teorie scientifiche». È così anche per le molte macchine del volo, un tema su cui il grande inventore ha iniziato a ragionare partendo non tanto dai congegni ma dallo studio della dinamica e delle forze del corpo umano. Nelle ali meccaniche è evidente l'imitazione della natura, la fantasia di ricreare il volo degli uccelli. E anche alla famosa «macchina volante» Leonardo si riferirà chiamandola semplicemente «uccello».

 
 



 



Migliaia di disegni e progetti di Leonardo, molti dei quali mai compresi o analizzati, rivivono nelle pagine di un volume affascinante: macchine per librarsi in cielo, dispositivi per la guerra, ponti, strumenti musicali. Un viaggio da non perdere nella mente di un inventore unico nella storia.
 
         
 
 

LEONARDO3 SRL
via Monte Napoleone, 9
20121 Milano, Italy
T (+39) 02 79.41.81
F (+39) 02 78.40.21

 
 
WEB HOST ~ Servitel The Hosting Company ~ www.servitelit.com